CASCO INTEGRALE, MODULARE O JET? QUALE CASCO SCEGLIERE

Il casco, si sa, è il migliore amico del motociclista perché ci protegge dagli urti e da eventuali cadute; ma il casco non è solo un oggetto utile, è anche un oggetto bello, di design. Sarà importante sceglierlo in modo oculato, perché si deve adattare alla nostra moto o al nostro scooter.

 

Il peso del casco è molto importante ed è determinato dal materiale con cui è costruita la calotta. Negli ultimi anni le aziende produttrici di caschi stanno proponendo modelli realizzati con materiali innovativi, nati per essere utilizzati in altri ambiti. La peculiarità di questi materiali è offrire la massima resistenza con un peso specifico estremamente ridotto. Uno di questi, e che sempre di più viene utilizzato, è il carbonio, o la fibra di carbonio, che consente di produrre caschi molto leggeri da indossare ma altrettanto sicuri.

 

Un casco però, oltre ad essere massimamente sicuro, deve anche essere comodo da indossare ed offrire una buona ventilazione, un buon ricambio d’aria, importante per tenere al fresco e all’asciutto la testa soprattutto nelle stagioni più calde. Altrettanto importante è il sistema di chiusura situato sotto il mento, che deve consentire un rapido aggancio e sgancio del cinturino.

 

Oggi DVMOTO vi orienterà nella scelta del casco giusto.

 

Sul mercato esistono sei tipologie di caschi, ognuna delle quali è particolarmente indicata ad un uso specifico, o meglio, in base a quale motociclo si andrà a guidare. Tralasciando i modelli da cross e crossover, chi si muove principalmente in strada può scegliere tra quattro tipologie.

 

Iniziamo col dire che un casco deve essere omologato secondo la norma europea ECE 22, e questa sigla deve essere riportata sull’etichetta normalmente presente all’interno del casco o sul cinturino di chiusura. Indossare caschi non omologati vuol dire rischiare una multa molto cara, con il sequestro del mezzo per 30 giorni.

 

IL CASCO INTEGRALE

 

Il casco integrale è indubbiamente il modello che offre più sicurezza, ed è utilizzato principalmente da chi guida moto da strada o da gran turismo. Coprono per intero capo, nuca e il viso. L’etichetta di omologazione deve presentare la lettera P. Qualche esempio?

 

casco integrale dv moto

LS2 Vector FF397

casco integrale dvmoto 2

Premier Touran DS0

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL CASCO MODULARE

I caschi modulari ultimamente sono sempre più amati e hanno la particolarità di poter ribaltare la mentoniera, per avere un casco demi-jet, opzione spesso utilizzata quando le stagioni si fanno più calde. In questo caso, un casco modulare per poter essere considerato tale e quindi offrire la sicurezza sia da casco integrale, sia da casco demi-jet, e quindi l’omologazione deve corrispondere alle lettere P (integrale) e J (Jet). In questo caso bisogna fare molta attenzione all’omologazione dei caschi modulari, perché se non dovessero presentare la lettera J, vuol dire che non è possibile circolare con la mentoniera aperta, e questo potrebbe causare sanzioni.

AIROH_tr1_duo_blu_bianco-600x600

AIROH TR1 DUO BLU/BIANCO

LS2_ride_nero_opaco

Ls2 Ride nero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL CASCO JET

I caschi Jet (o aperti) che sono sprovvisti di mentoniera ma hanno una struttura che si allunga nella zona delle guance, sono particolarmente adatti agli scooteristi. La lettera che identifica l’omologazione di questa tipologia di casco è la J.

casco-kabuto-avand-II-flat-silver

Kabuto Avand II Mono Flat S

CASCO GIVI 10.7 MINIJET

CASCO GIVI 10.7 MINIJET

PREMIER JT3 BIANCO

 

Da DVMOTO siamo sicuri che troverai il casco più adatto alle tue esigenze, che sia integrale, modulare o Jet, l’importante è che sia firmato DVMOTO, perché da noi la sicurezza sposa l’eleganza e lo stile.

 

Arrivederci al prossimo articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.